25/11/2005

VICRYL® PLUS: La nuova sutura sintetica assorbibile antibatterica

La sutura Vicryl PLUS (Polyglactin 910) è una sutura sintetica assorbibile intrecciata, composta da Polyglactin 910, un copolimero di lattide (da acido lattico al 10%) e di glicolide (da acido glicolico al 90%).

Le suture di Vicryl PLUS soddisfano la necessità di un prodotto sintetico assorbibile scorrevole che passi attraverso il tessuto senza difficoltà.

Il rivestimento è composto in parti uguali da un copolimero di glicolide e lattide (Polyglactin 370) e da stearato di calcio. Quest'ultimo è composto di sale di calcio e acido stearico, usato largamente nei preparati farmaceutici e nel cibo, e viene costantemente metabolizzato ed eliminato. Il risultato di questa combinazione è un lubrificante assorbibile, eccezionalmente aderente al materiale di sutura e che non si sfalda in fase di impiego del filo.

A questi elementi è stato aggiunto IRGACARE MP®, la forma più pura di Triclosan, un agente antibatterico ad ampio spettro che crea una zona di inibizione alla diffusione batterica svolgendo un'azione preventiva nei confronti delle possibili infezioni del sito chirurgico. L'agente antibatterico IRGACARE MP è efficace contro lo Staphilococcus Aureus, Stafilococcus Epidermidis ed i loro ceppi meticellino-resistenti: MRSA e MRSE.

Nel processo di polimerizzazione è stato aggiunto il Dodecanolo, un componente della famiglia degli alcool che consente un aumento della resistenza tensile in vivo del 25%. La combinazione di Polyglactin 370 e di stearato di calcio unisce le caratteristiche di entrambi per produrre un lubrificante, simile alla struttura di base, assorbibile, aderente e che non si sfalda. Le proprietà lubrificanti del rivestimento permettono un facile passaggio attraverso il tessuto, il confezionamento comodo del nodo ed un agevole affondamento dello stesso. La caratteristica "idrorepellente" del lattide rallenta la penetrazione dell'acqua nei filamenti della sutura rallentando, in vivo, la perdita di resistenza alla trazione e quindi la forza di tenuta sui lembi della ferita. Tutti i gruppi di lattide aiutano anche a tenere unite, a " ponte", le catene submicroscopiche del polimero. Da ciò deriva che l'assorbimento della massa della sutura, dopo la perdita della resistenza, è più rapido rispetto alle suture composte di solo acido poliglicolico.

La combinazione controllata e precisa di queste due sostanze produce una struttura molecolare che mantiene la resistenza tensile in vivo adeguata per l'approssimazione dei tessuti durante il periodo critico di guarigione della ferita, con il vantaggio che la sutura viene poi assorbita rapidamente, finita la funzione meccanica di supporto.

Circa il 75% della resistenza tensile iniziale è riscontrabile al 14° giorno, mentre al 21° si riduce al 50% (calibri 5/0 e supe- VICRYL® PLUS: La nuova sutura sintetica assorbibile antibatterica. riori). L'assorbimento è minimo fino al 40° giorno; si completa in 56 ? 70 giorni. Le suture sintetiche assorbibili sono assorbite da una lenta idrolisi alla presenza dei fluidi tissutali. Non c'è bisogno degli enzimi per interrompere la catena di polimero, è necessaria soltanto l'acqua; perciò le suture sintetiche assorbibili danno poca reazione del tessuto. Dopo l'impianto l'acqua penetra gradualmente i filamenti della sutura e la catena di polimero inizia a rompersi. I monomeri (lattide e glicolide) sono metabolizzati dagli enzimi cellulari, ridotti ad acqua ed anidride carbonica per essere eliminati con l'urina e la respirazione.

I singoli monofilamenti, siano essi colorati in vieletto che naturali, sono intrecciati in fili chirurgici e rivestiti. Queste suture sono inerti, non antigenetiche, non pirogene e sollecitano una blanda reazione tissutale durante l'assorbimento. Vicryl PLUS associa, alla funzione principale d'accostamento meccanico tissutale quella di protezione della sutura dalla possibile colonizzazione batterica del sito chirurgico, in particolare contro lo Staphilococcus aureus, lo Staphilococcus epidermidis ed i loro mutanti meticillina - resistenti.

Studi effettuati in vitro dimostrano che le suture Vicryl PLUS Antibacterial creano una zona di inibizione della crescita batterica che dura da un minimo di 48 ore ad un massimo di 7 giorni (variabilità connessa al calibro della sutura). I dispositivi medici non causano infezioni, tuttavia, è noto che contribuiscono al potenziamento delle infezioni stesse. Una volta che un dispositivo medico è colonizzato, i batteri sono meno suscettibili al trattamento antibiotico, a causa della formazione del biofilm. In queste condizioni, il numero di microrganismi in grado di trasmettere le infezioni è più basso ed il dispositivo impiantato funziona come veicolo per la diffusione del batterio ai tessuti circostanti.

Gli esperti individuano nei seguenti fattori quelli che più comunemente contribuiscono alle infezioni:

  • profilo del paziente
  • tecnica chirurgica
  • situazione ambientale operatoria e post-operatoria (per esempio la sepsi)
  • tipologia di intervento impianti

Vicryl PLUS neutralizza una di queste variabili: la sutura, come impianto, non è più un fattore di contribuzione alle infezioni del sito chirurgico. Vicryl PLUS Antibacterial rappresenta, quindi, una precauzione in più per minimizzare il rischio che il paziente contragga un'infezione della ferita chirurgica.

Login

Effettua il login per avere accesso a tutte le sezioni riservate del sito.


Per qualsiasi chiarimento inerente l'iscrizione al sito ed alle modalità di accesso puoi scrivere al seguente indirizzo: info@echirurgiaplastica.it.
Graphic design studio idea comunicazione studio idea comunicazione Sviluppo PanPot